I MAGNIFICI 7

I MAGNIFICI 7

SpiritiLibri 87 comments
News

Ci siamo. Il momento dei momenti: l’annuncio dei sette finalisti della prima edizione di SpiritiLibri. Un parto travagliato, frutto di numeri mai così ravvicinati, riflessioni mai così approfondite, e la dura realtà di dover ammettere solo in sette alla fase del booktrailer. Il booktrailer, lo ricordiamo, concorrerà esclusivamente nella relativa categoria, ma a decretare l’opera vincitrice e dunque pubblicata sarà la giuria speciale.

Ecco i nomi dei magnifici sette, come al solito elencati in ordine alfabetico e non di graduatoria: il punteggio della settima delle opere qualificate alla finale è di 61,18. Adesso, via al ciak.

Adieu mon coeur

di Angelo Calvisi

Finestre incendiate

di Anna Rita Martire

Grazie Svizzera!

di MariaCarla Marini Misterioso

Il meglio per me

di Milena Latorre

Jenny La Secca

di Claudia Lamma

La missione

di Claudia Crocioni

Lo spumone. Morte sospetta in piazza Ciaia

di Leonardo Cassone

 

Con un groppo in gola, credeteci, diamo l’arrivederci (perché di tale si tratta: siamo già al lavoro per l’antologia di Spazio Libero che avrà tante, tantissime delle cose dei semifinalisti dai quali ci separiamo, solo momentaneamente) ad autori veri, e decisamente in gamba.

Il groppo in gola è per la pazza tenerezza e la visionaria immaginazione di Chiara, per l’eleganza vellutata del bellissimo cervello di Alessandra, per il raffinato (anche se crediamo ci odierà per l’aggettivo) e cazzutissimo coraggio narrativo di Francesca, per l’ironia geniale, la sadica catarsi e l’assoluta anarchia di Francesco, per la sobria delicatezza e la sensibilità spacca-anima di Maria Grazia, per la furia narrativa e la torrenziale produttività dell’incorreggibile Marcello, per l’ombrosa bellezza e la potenza visiva di Filippo, per l’erudita ed ambiziosa ricercatezza di William, per la complessa architettura delle sensazioni e per la profondità meditativa di Michel, e per il poliedrico fascino della semplicità di Ilaria, la prima di tutte, a scrivere sul nostro taccuino. Il groppo in gola è soprattutto perché abbiamo amato le vostre opere: le vostre parole ci mancheranno da morire. Ma, se vorrete (e vorrete), è solo l’inizio del vostro viaggio.

87 Comments

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 7:18 pm

Sinceramente, delle vostre parole me ne faccio ben poco, se sapevo che il concorso era articolato in più prove e nella raccolta di voti social nemmeno avrei partecipato, detto questo, finché si trattava di essere valutato sul racconto, sull’incipit e sulla sinnossi, niente da dire, ma questo della copertina ve lo potevate risparmiare perché io scrivo non faccio grafica…

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 7:19 pm

scusate la n in più di sinossi, errore di tastiera…

Foto del profilo di SpiritiLibri

SpiritiLibri

luglio 4, 2015 at 7:32 pm

Ciao Michel, la giuria speciale ha espresso la propria valutazione soprattutto sull’opera, tenendo conto solo in parte dei lavori grafici della terza fase. Il punteggio è come sempre complessivo, e non lascia nulla al caso. La tipologia del contest è sempre stata molto chiara dall’inizio, abbiamo puntato alla selezione interattiva, alla vostra partecipazione, lontani dai meccanismi dei concorsi in cui comunque, alla fine, si arriva sempre ad un solo vincitore, senza che i partecipanti entrino nel vivo ma ricevendo solo un verdetto finale. Noi siamo stati orgogliosi di averti avuto a bordo, così come siamo felici di dare a tutti voi un’occasione per migliorare attraverso il confronto o l’opportunità di mettere in mostra le vostre qualità. A proposito delle parole, le ribadiamo, dato che le sentiamo, e non siamo per i pro-forma.

    Foto del profilo di William Francesco Murano

    William Francesco Murano

    luglio 4, 2015 at 7:37 pm

    Perché fare una suddivisioni in fasi se si valuta principalmente l’opera?
    Alcune copertine escluse sono molto belle, alcune presenti in finale … non mi esprimo.

      Foto del profilo di SpiritiLibri

      SpiritiLibri

      luglio 4, 2015 at 7:47 pm

      Ciao William. Le dinamiche le abbiamo chiarite ogni volta fase per fase, e in questa fase era esplicitamente detto che, soprattutto per quel che riguardava la cover, oltre alla valutazione della copertina e del pitch la giuria speciale si sarebbe concentrata anche sulla valutazione più approfondita dell’opera, facendo quindi delle scelte anche dolorose. Rappresenta la fase di transizione alla finale, in cui al di là del booktrailer (che rappresenterà un contest parallelo, di fatto) la giuria speciale si concentrerà squisitamente sull’opera. Tutto è sempre stato estremamente trasparente, e tutto era inserito nel bando, in cui erano spiegate dettagliatamente sia le fasi, sia lo spirito di essere, per cui ci fa specie che questa recriminazione, pur avendola messa in conto perché capiamo la delusione, arrivi solo oggi, quando pareva che la suddivisione in fasi (chiare da sempre, ribadiamo), fosse sempre andata bene.

        Foto del profilo di William Francesco Murano

        William Francesco Murano

        luglio 4, 2015 at 7:58 pm

        Molto bella la suddivisione della gara, molto bello il contest, ma non capisco il peso che si è dato al fattore copertina. Non c’è trasparenza dando regole generiche. La mia esclusione ci può stare, altre scelte sono discutibili.

          Foto del profilo di SpiritiLibri

          SpiritiLibri

          luglio 4, 2015 at 8:16 pm

          Grazie William, sicuramente si è fatto il massimo, in questa prima edizione, per rendere tutto avvincente quanto coerente, nel massimo equilibrio. Non abbiamo mai preteso di essere perfetti, errori in buona fede ne abbiamo sempre messi in conto, e speriamo di migliorare anche noi.

           
          Foto del profilo di SpiritiLibri

          SpiritiLibri

          luglio 4, 2015 at 8:18 pm

          Riguardo al termine “esclusione”, non si parla propriamente di esclusione, ma di graduatoria, non esistono bocciati, ma ne passavano in sette. Sulle “regole generiche”, francamente non condividiamo.

           
        Foto del profilo di William Francesco Murano

        William Francesco Murano

        luglio 4, 2015 at 8:54 pm

        In uno spirito di crescita, per una migliore seconda edizione, vi invito a migliorare le regole 😉

        Nessun problema da parte mia. Mi sono divertito un mondo, ho conosciuto Francesca Rapa che per i pochi messaggi scambiati mi è sembrata una persona fantastica, ho ancora da scrivere Wafer su spazio libero sempre che Marcello sia d’accordo.

        Vorrei un feedback sul mio racconto?

          Foto del profilo di SpiritiLibri

          SpiritiLibri

          luglio 4, 2015 at 9:05 pm

          Accettiamo ogni consiglio con entusiasmo. Così come è vivissimo l’invito a proseguire su Spazio Libero, ci mancherebbe, la cosa ci rende doppiamente contenti. Ovviamente condividiamo il tuo parere su Francesca.

          P.S. quella della “scrittura a quattro mani” in Spazio Libero è una pratica che avremmo sempre voluto caldeggiare, stimolandola, poi abbiamo preferito vedere se sarebbe nata spontaneamente. Il fatto che sia successo è una cosa che ci ha emozionato tanto, anche per questo ti diciamo grazie.

           
          Foto del profilo di Marcello Marino

          Marcello Marino

          luglio 5, 2015 at 5:57 pm

          Certo che voglio continuare 😉

           
Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 7:45 pm

Io riscontro tre anomalie: la prima, era opportuno per una questione di trasparenza rendere note la classifica con relativo punteggio alla fine di ogni fase, perché forse voi non ve ne siete accorti ma qua tutti hanno la loro vita e non è che uno può stare ad ogni fase a perdere tempo chiedendo il voto social o di comunità contando il fastidio che prova chi lo chiede e anche chi lo deve dare, inoltre, se è stata la valutazione complessiva a determinare questo risultato era meglio che ciascuno avesse la possibilità di decidere se continuare o meno alla fine di ogni fase, per me non avrebbe avuto senso perdere tempo nell’elaborare la copertina se avessi saputo di essere molto indietro, onestamente mi dedicavo ad altro; secondo, di solito nei concorsi lettrari dovrebbe valere l’anonimato delle opere per una questione di correttezza; terzo, non capisco perché in quest’ultima fase abbiamo dovuto aspettare tanto per i risultati quando erano stati annunciati per il giorno 3 luglio. Devo dire con franchezza che mi aspettavo questo tipo di risultato. Buon proseguimento.

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 4, 2015 at 7:59 pm

    1) Sappiamo che è la vostra vita, ne siamo consapevoli. Che in ballo ci sono energie ed ambizioni. Se non ne fossimo consapevoli, non staremmo qui, di sabato sera, a riflettere su verdetti che non possono accontentare tutti.
    2) “Se avessi saputo si essere molto indietro”. Sul bando è chiaramente scritto che dopo ogni fase I VOTI VENGONO RESETTATI, e non accumulati. Dopo ogni fase si riparte. Ecco il motivo per cui, tecnicamente, è impossibile “sapere di essere molto indietro”, perché nessuno è mai molto indietro in partenza, in nessuna fase. Abbiamo la sensazione che una lettura accurata del bando avrebbe facilitato le cose, sotto diversi aspetti.
    3) “A partire dal 3 luglio” vuol dire a partire dal 3 luglio. L’annuncio dei finalisti è assolutamente arrivato entro i termini. Se (per nostra dovizia) abbiamo invitato alla pazienza per il giorno d’attesa, è perché nelle fasi precedenti eravamo stati estremamente puntuali, e anche perché la vicinanza di alcuni punteggi ha richiesto l’estremo scrupolo nei controlli. In molte alte situazioni capita di attendere molto di più.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 7:55 pm

Uno può essere deluso da qualcuno che stima ma non da chi nemmeno conosce, visto che a tutt’oggi non conosciamo l’identità dei componenti di questa famosa giuria speciale… quindi, mi sembra fuori luogo parlare di delusione… cmq non vi preoccupate non moriremo per il vostro giudizio…

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 8:08 pm

Quando potete, fatemi sapere gentilmente come posso cancellare il mio account e tutto quello che ho scritto in spazio libero. Grazie

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 8:17 pm

io è la prima volta che vedo questo link con i nomi dei giurati e vorrei sapere quanti di quelli che hanno partecipato al concorso erano, con sincerità, al corrente di questo link e dei nomi dei giurati, comunque sia, penso che ci siamo detto tutto, ognuno resta delle sue convinzioni e opinioni… ripeto buon proseguimento e scusate per il tempo che reciprocamente abbia perso…

Foto del profilo di claudia crocioni

claudia crocioni

luglio 4, 2015 at 8:21 pm

Buonasera, forse un mio intervento è fuori luogo, vista la contentezza del risultato, però vorrei ringraziare la giuria che in fondo, sta facendo un gran lavoro, difficile e impegnativo, (pro bono per giunta). Ero in “forse” fino all’ultimo momento come tutti i miei compagni della semifinale, proprio perchè sapevo che la valutazione sarebbe stata poliedrica e che la giuria avrebbe osservato il nostro operato sotto diversi punti di vista e diverse angolazioni prospettiche. Comunque vada questo è stato un contest divertentissimo, interattivo, competitivo, fresco e stimolante. Sono contenta di farne parte. In fondo, il vincitore sarà uno soltanto, come in tutti i concorsi e come è giusto che sia. Siamo in un momento sociale dove non è facile carpire soddisfazioni dal prossimo, dal proprio operato e soprattutto da ciò che si fa con passione, ma voi stasera me ne avete regalata una (di soddisfazione) e quindi sento di volervi dire grazie. Buon proseguimento di lavoro a tutti.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 8:32 pm

Forse non riesco a parlare in un corretto italiano a giudicare dal fatto che non comprendete quello che dico, io vorrei sapere quanti di quelli che hanno partecipato conoscevano l’esistenza del link e l’identità dei componenti della giuria, la domanda è rivolta a loro non a voi… comunque, ripeto, l’unica cosa che mi interessa a questo punti è la procedura da seguire per cancellare i miei scritti in spazio libero ed il mio account. Grazie.

Foto del profilo di Ilaria Galiano

Ilaria Galiano

luglio 4, 2015 at 8:56 pm

Pur non facendo parte degli ammessi e non essendo una campionessa di spirito decoubertiano non approvo l’acredine di Fonte che pure non era fra gli ultimi dei “concorrenti”. Per me l’esperienza è stata comunque proficua e non resto a mani vuote facendo un bilancio tra impegno profuso e risultato finale. Ero piuttosto convinta di non essere ammessa alla finale si a per il prodotto copertina sia, forse, per la natura stessa dell’opera presentata che, probabilmente, non “incontrava” le scelte editoriali della casa.
A questo punto vorrei fare solo un paio di domande, anzi tre;
1) è possibile come per le altre fasi conoscere la valutazione complessiva dell’opera?
2) apprezzo le parole che avete voluto spendere per definire ciascuno di noi nella sua partecipazione a Spirito libero, ma cosa significa esattamente l’espressione che avete usato per definire Ilaria ( cioè io) ” poliedrico fascino della semplicità “?
3) si può conoscere in cosa consisterà l’appporto dei partecipanti al progetto di antologia?
4) i post sul taccuino rimangono con diritti d’autore riservati o sono “proprietà” di Spiriti libri?
P.S. Un caro saluto da “sconfitte” a Maria Grazia Adamo che, come me, risulta esclusa dalla finale, autrice che ho avuto modo di apprezzare e con cui ho provato a collaborare con interesse.Lo spirito di SSpiriti libri, per me, è stato anche questo “socializzare” e, se proprio deve esprimere una critica, non mi pare che fra i finalisti, o almeno in qualcuno tra loro, questa condivisione sia stata sperimentata al meglio. Anzi mi sembra che qualcuno abbia un tantino peccato in autoreferenzialità…ma questo e tutto, a partire dai £verdetti” è sempre molto soggettivo.
Grazie per l’attenzione

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 4, 2015 at 9:17 pm

    Ciao Ilaria,

    1) Certo, come per le altre fasi, è possibile avere accesso alla propria scheda previa richiesta, compatibilmente con i tempi necessari. Ovviamente non è possibile avere informazioni sulle schede di altre opere.
    2) Il tuo stile ci è sembrato diretto, semplice, asciutto eppure ricco di sfaccettature e prospettive, e anche i tuoi contenuti in Spazio Libero sono sempre stati poliedrici, per natura, forma, contenuti e stile.
    3) – 4) Presto in uno spazio apposito vi aggiorneremo con tutti i dettagli al riguardo. Gli aspetti relativi a Spazio Libero sono comunque presenti sia nel regolamento che nel modulo per l’iscrizione che ci avete inviato.

Foto del profilo di Ilaria Galiano

Ilaria Galiano

luglio 4, 2015 at 8:59 pm

p.s. io ho letto il regolamento più volte, e lo dico senza un secondo fine, è stato tutto molto chiaro e ben definito.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 9:06 pm

Ilaria Galeano qua non c’è nessuna acredine, ma una chiara mancanza di trasparenza, quindi prima di parlare misuri le parole, secondo non si tratta di essere giovani o vecchi, con il computer io ci lavoro e ho detto tutto,la questione è che non sono obbligato a rovistare un sito per cercare il link della giuria ma questa dovrebbe essere riportata dettagliatamente ad ogni votazione… però, ripeto, oramai non mi interessa, vorrei solo sapere come cancellare tutto quello che mi concerne e chiudere l’account… se mi rispondete perché è la terza volta che ve lo chiedo gentilmente…

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 4, 2015 at 9:21 pm

    Come è scritto nel bando, è assolutamente possibile e nei vostri diritti richiedere al termine del contest, facendone richiesta formale scritta alla direzione (contest@spiritilibri.com) il proprio profilo e il proprio materiale di gara: sinossi, incipit, e copertina.

Foto del profilo di William Francesco Murano

William Francesco Murano

luglio 4, 2015 at 9:17 pm

Ho iniziato con molta timidezza questo percorso, me ne rammarico.

Non sono molto bravo a scrivere, ho scritto Estraneo Al Tempo in preda all’ispirazione, pensando a me stesso e basta. Ho scritto per sfogare la rabbia di un momento triste della mia vita, solo successivamente mi hanno convinto a partecipare al concorso. Non posso aver pretese di nessun tipo.

Pensando di essere subito “escluso dalla gara” ho avuto paura ad avvicinarmi agli altri. Spero di riuscire a trovare il tempo di scambiare due parole con altri partecipanti.

Foto del profilo di Augusto Necchi

Augusto Necchi

luglio 4, 2015 at 9:30 pm

Fonte l’ha presa bene.

Foto del profilo di SpiritiLibri

SpiritiLibri

luglio 4, 2015 at 9:59 pm

Ragazzi, per favore, l’invito è quello di evitare duelli rusticani che veramente non servono a niente, o saremo costretti a rimuovere commenti inappropriati. Grazie per la collaborazione.

Foto del profilo di Ilaria Galiano

Ilaria Galiano

luglio 4, 2015 at 10:14 pm

grazie di tutto e buon lavoro per la prossima fase alla giuria che ormai sarà distrutta dalla fatica di questi giorni non certo facili di scelte e decisioni da condividere.
buonanotte

Foto del profilo di Francesca Rapa

Francesca Rapa

luglio 4, 2015 at 10:53 pm

Il cazzutissimo non mi fa incazzare per niente 😉 grazie per le parole spese per i saluti, é stato un pensiero molto carino.
William, il fatto che non ti sei mai definito uno scrittore ti fa onore, davvero. Eppure lo sei. Fidati! É solo il primo di tanti concorsi, tu continua così ragazzo.
Per il resto ognuno può avere le sue opinioni sul gioco. Di concorsi ne ho fatti mille e più, questo é stato comunque IL PIÙ DIVERTENTE E STIMOLANTE DI TUTTI.
Un consiglio per la prossima edizione lo darei però, se mi é permesso. Il problema dei voti social o community é che non erano…. mmm equanimi. Cerco di farmi capire. Se fossimo partiti da una piattaforma iniziale con 800 iscritti, che non avevano rapporti con i partecipanti e fosse stato loro chiesto di votare man mano per l’opera più bella, allora quello sarebbe stato equo. Così non molto, ma é il problema comune a tutti i concorsi che prevedono questo aspetto. La fortuna qui é stata la giuria! Io ero a conoscenza del link e ho letto tutte le biografie prima di iscrivermi.
Ragazzi non so quanti concorsi avete o non avete fatto ma ce ne sono alcuni che contano SOLO sui voti social. Seeeee.
Non ve la prendete, é una gara!!! Non ha senso prendersela così. Evidentemente le loro opere funzionano di più e sono più commerciabili. É un aspetto che si deve tenere sempre presente visto che devono pubblicarlo!
Volete dei link per i prossimi concorsi?

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 4, 2015 at 11:27 pm

    Ciao, Francesca

    poter contare su una piattaforma di centinaia di utenti sarebbe stato l’ideale, ma allo stesso tempo utopia pura, nascendo per lo scopo del contest, e quindi partendo con voi, e per voi. Chiaramente, sarebbe stato un sogno partire già con centinaia di utenti appassionati, interessati, coinvolti. L’aspetto “social”, pur non avendoci rinunciato mai del tutto, abbiamo sempre cercato di arginarlo, “calmierandolo”, e pur essendo importante l’aspetto legato alla autoproduzione, abbiamo sempre teso ad evitare che fosse l’elemento decisivo, pesando volta per volta con il bilancino proporzioni di punteggio e quant’altro. Siamo contenti che lo spirito sia stato apprezzato.

      Foto del profilo di Francesca Rapa

      Francesca Rapa

      luglio 4, 2015 at 11:39 pm

      Infatti non ho mai ottenuto un punteggio alto con i voti social, eppure sono arrivata in semifinale! Significa molto.
      Vi darò ancora fastidio con qualche “palpata” 😉

      Foto del profilo di Milena Latorre

      Milena Latorre

      luglio 4, 2015 at 11:42 pm

      Lancio la proposta dell’una e trentatrè: e se l’anno prossimo si partisse dagli utenti già iscritti sulla piattaforma (cioè noi, chi vorrà starci) per creare una giuria popolare-ma-non-partigiana per giudicare le opere in concorso nella seconda edizione (che mi auguro ci sarà) di Spiriti Libri? Ovviamente la classifica social dovrebbe rimanere per non snaturare il contest, ma anch’io non faccio fatica a confessare di aver vissuto con sempre maggiore insofferenza il dover “chiedere voti” ai miei amici, fase dopo fase. Non solo, per “colpa” dell’aspetto social ho rischiato anche di non poter contare sull’aiuto del regista che ha disegnato la -a mio parere- meravigliosa copertina del mio romanzo, perché lui e il suo socio non partecipano mai a concorsi in cui è previsto il voto social, perché pensano che non ci sia vera meritocrazia. Ho dovuto supplicarlo dicendogli ti-prego-non-lasciarmi-così! per farlo intenerire.
      Mai dette a nessun altro uomo parole del genere! XD

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 11:00 pm

Sicuramente avrà fatto una gran fatica la giuria vista la contraddizione tra due dichiarazioni appena fornite, Dichiarazione 1: “la giuria speciale ha espresso la propria valutazione soprattutto sull’opera, tenendo conto solo in parte dei lavori grafici della terza fase. Il punteggio è come sempre complessivo, e non lascia nulla al caso.” Dichiarazione 2: “Dopo ogni fase I VOTI VENGONO RESETTATI, e non accumulati. Dopo ogni fase si riparte. Ecco il motivo per cui, tecnicamente, è impossibile “sapere di essere molto indietro”, perché nessuno è mai molto indietro in partenza, in nessuna fase.” Giudicate voi la coerenza… inoltre, un inciso sulle opere più commerciabili, è proprio a causa di ciò, della commerciabilità, che in questo paese siamo ad un livello culturale pietoso, basta vedere quali sono i libri più venduti: libri di ricette, biografie di calciatori, libri di comici e barzellette varie…

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 4, 2015 at 11:13 pm

    Certo. Dopo ogni fase i voti vengono resettati, si riparte tutti da zero. Nella prima fase si votava la sinossi, nella seconda, l’incipit, nella terza, arrivando in dirittura d’arrivo, oltre al progetto-copertina, i giurati speciali cominciavano a valutare anche l’opera nel suo complesso, per poi valutare solo quella in finale, come scritto in fase di presentazione della terza fase. Ci sfugge cosa ci sia di incoerente. Dubitiamo che a questo punto si stia facendo una gran confusione così, solo per il gusto di farla. Siamo, e restiamo disponibili a chiarimenti, osservazioni, consigli, richieste, in maniera crediamo esauriente. E continueremo a rispondere instancabilmente a quelle, se poste con educazione e soprattutto supportate dai fatti. Ma obiettivamente questo gioco alla scoperta dell’acqua calda a posteriori, cadendo dalle nuvole su regole scritte lì da sempre, su giurie scritte lì da sempre, non ci va di assecondarlo oltre. Grazie.

Foto del profilo di Francesca Rapa

Francesca Rapa

luglio 4, 2015 at 11:21 pm

Non é esattamente quello che volevo dire. Non abbiamo letto queste opere non possiamo permetterci di dire neppure mezza parola!! Da quello che annusato negli incipit non mi sembrano tre metri sopra qualcosa, libri di ricette o barzellette. Sicuramente! Te la prendi troppo e fai confusione sulle cose. I voti social ecc. Si azzerano ad ogni fase, la giuria ha avuto una visione più complessiva dei testi. Ma non hai mai partecipato ad un concorso letterario? E stai calmo!

    Foto del profilo di Michel Fonte

    Michel Fonte

    luglio 4, 2015 at 11:31 pm

    io non faccio nessuna confusione e sono calmissimo, però sai come si dice “buono sì ma stupido no”, fino a prova contraria tu hai asserito che forse queste opere sono più commerciabili ed io ti ho risposto per quello che penso nel caso che la tua ipotesi fosse veritiera… non ti preoccupare che ho partecipato ad altri concorsi e volevo verificare se questo fosse uguale agli altri…

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 11:22 pm

Che lo assecondiate o meno non ha importanza, visto che le contraddizioni sono lampanti, l’unica confusione è quella che emerge da regole lacunose e da opere selezionate da quello che dite senza neppure averle lette approfonditamente, soltanto ora dite che nella terza fase copertina veniva rivalutata l’opera nel suo complesso ma non è quello che avete affermato all’inzio della terza fase, dove facevate capire che il voto concerneva esclusivamente la copertina… io pongo quesiti con estrema educazione ma voi purtroppo giocate al rimpiattino… facevate meglio a fare una selezione secca senza tutti questi giochetti… Grazie.

Foto del profilo di SpiritiLibri

SpiritiLibri

luglio 4, 2015 at 11:38 pm

QUI, http://www.spiritilibri.com/aperta-la-semifinale-copertina-in-finale-andranno-in-7 , prima dell’inizio della terza fase, c’è scritto che i giurati speciali avrebbero valutato anche l’opera. Dici che avremmo detto che il voto concerneva solo la copertina, e non è vero.

Per tutta la serata hai sostenuto che la giuria non fosse stata comunicata, e non è vero.

Francamente non ha molto senso proseguire oltre, anche perché c’è un limite a tutto, e si sta raschiando il fondo del barile. Ora stop.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 11:47 pm

Vi arrabbiate, vuol dire che qualcosa vi rode…

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 4, 2015 at 11:52 pm

    Abbi pazienza, questi sono livelli discussione che non ci interessano. Nè abbiamo voglia di ripetere cose già dette. Arrabbiati di certo non siamo noi, dispiaciuti e amareggiati da questi livelli francamente sì. Buona notte.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 4, 2015 at 11:56 pm

qua l’unico livello di una certa portata l’avete toccato voi… Buonanotte…

Foto del profilo di Augusto Necchi

Augusto Necchi

luglio 5, 2015 at 12:34 am

L’ha presa benissimo, Fonte.

    Foto del profilo di Michel Fonte

    Michel Fonte

    luglio 5, 2015 at 8:15 am

    sei un po’ ripetitivo capisco che sono le uniche parole che sai pronunciare però fai uno sforzo, magari gira la ruota e compra una vocale…

Foto del profilo di Augusto Necchi

Augusto Necchi

luglio 5, 2015 at 8:53 am

Ho seguito questo contest perché ha visto la partecipazione di un mio caro amico. Anch’io credo che il voto attraverso social e community possa essere diciamo fuorviante. Fuorviante anche perché manipolabile, in qualche misura. Va precisato, però, come nel corso della gara il peso specifico della votazione social tenda ad affievolirsi, e questo garantisce alla giuria (che c’è, c’è sempre stata, ed è sempre stata quella) un certo margine di manovra per premiare i lavori ritenuti maggiormente meritevoli. Ciò detto, Michel, mi pare che la tua reazione scomposta non ti faccia onore. Secondo il mio punto di vista, il momento di ritirarsi dal contest era quello preciso in cui ti sei accorto che le regole non ti convincevano. Sollevare questa cagnara dopo l’esclusione, davvero, è poco elegante e ti sta facendo fare una figura di cacio. Non entro nel merito del tuo lavoro, di cui peraltro ho letto solo sinossi e incipit. Mi permetto però, sempre che tu non ne sia a conoscenza, di segnalarti che la storia della letteratura italiana degli ultimi 20 anni è stata caratterizzata dalla presenza di antologie che hanno fatto scoprire alcuni degli scrittori più importanti di fine secolo e dei primi anni 2000. Probabilmente l’antologia di SpiritiLibri non avrà esisti clamorosi, ma volentieri ti ricordo che Tiziano Scarpa, Aldo Nove e Matteo Galiazzo sono usciti dalla ormai celeberrima antologia “cannibale” einaudiana, che Rossana Campo ha pubblicato, prima di diventare Rossana Campo, in un’antologia curata da Gianni Celati per Feltrinelli e, in tempi più recenti, anche le Qualità dell’Aria di minimumfax hanno avuto un loro perché. Per non citare, ahimè, l’antica antologia dei Novissimi (anche’essa pubblicata da Einaudi) che risale ai tempi in cui ero studente! Insomma, Michel, te lo dico da vecchio (non so se saggio, ma vecchio di sicuro), e tu devi ascoltarmi: ritorna sulle tue decisioni, pubblica sull’antologia, se ne avrai la possibilità, e con umiltà cerca di capire cosa del tuo romanzo non ha convinto i giurati, così potrai eventualmente rimetterci mano e migliorarlo.

Foto del profilo di noemi giannotti

noemi giannotti

luglio 5, 2015 at 9:02 am

Diffido della finta rabbia di Michael Fonte, uno perché inconsistente, due perché sembra trollare, tre perché proteste argomentate hanno avuto il commento soppresso o meglio sottoposto a moderazione.

Il contest si chiama spiritilibri facendo un gioco di parole con libero, ma non capisco cosa ci sia di libero nel moderare un commento.

Foto del profilo di SpiritiLibri

SpiritiLibri

luglio 5, 2015 at 9:14 am

Non capiamo il riferimento alla moderazione, Noemi: ci pare si stia parlando in assoluta libertà, come testimonia ciò che sta avvenendo da ieri a questa parte (chiaramente ci riserviamo eccome la moderazione in caso di offese gratuite, o nel caso si trascenda, e temiamo di essere sulla buona strada). Per il resto, condividiamo pienamente.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 5, 2015 at 9:19 am

Non penso che il Contest abbia bisogno di un avvocato (o forse sì?), comunque ti ringrazio per i consigli per quanto un vecchio proverbio dica che “i consigli gratuiti non sono mai ben accetti”, detto ciò, il mio romanzo, a parte una revisione che è normale lavoro di editing, dal punto di vista dei contenuti non ha bisogno di alcuna modifica, poi nella vita tutto è perfettibile senza mai raggiungere, però, la perfezione. Si continua a battere sul voto social e di comunità, sicuramente una pecca, ma forse non si capisce o non si vuol capire che il vero inghippo è in questa terza fase o fase copertina, in cui, a mio parere, ma lo avallerebbe anche un cieco, non sono state scelte le copertine migliori, essere superato da copertine davvero belle era un discorso… altro discorso e vedere molte di quelle selezionate, io almeno ho gli attributi di dirlo altro che figura da cacio, meglio una reazione da persona vera che fare la figura dei pecoroni… aggiungiamoci poi che in questa fase se ne vengono fuori, con una postilla da leggere nelle pieghe, che il voto della giuria non era solo sulla copertina ma sull’approfondimento dei contenuti, alquanto bislacco come concetto tenendo in conto che ci sono state ben 3 fasi (preselezione, sinossi e incipit) in cui il valore del racconto per stile e contenuto doveva essere completamente sviscerato… comunque, ribadisco non mi interessa alcuna antologia e sottolineo, visto che non mi rispondono ai messaggi, che chiedo l’immediata rimozione di tutti i miei scritti e immagini… Ad Maiora…

    Foto del profilo di Michel Fonte

    Michel Fonte

    luglio 5, 2015 at 9:22 am

    Posso testimoniare che il Contest non mi ha mai cancellato nessun commento, su questo non ho niente da dire, la mia non è né rabbia né finta rabbia per cui fai bene a diffidare delle tue percezioni

      Foto del profilo di noemi giannotti

      noemi giannotti

      luglio 5, 2015 at 9:33 am

      Un mio commento si, e non è una bella sensazione.

        Foto del profilo di Michel Fonte

        Michel Fonte

        luglio 5, 2015 at 9:37 am

        Se l’hanno fatto e non dubito della tua parola è molto grave…

        Foto del profilo di SpiritiLibri

        SpiritiLibri

        luglio 5, 2015 at 9:41 am

        A noi non risulta, né risulta ricevuto dal sistema, per cui non siamo responsabili anche di sensazioni in cui decisamente non c’entriamo. Ad ogni modo ci pare tu stia scrivendo, quindi benvenuta Noemi. Nel rispetto di tutti, qui si può parlare liberamente, e ci pare fin troppo evidente.

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 5, 2015 at 9:36 am

    La “postilla da leggere nelle pieghe” ti stanno dicendo tutti da ieri sera, anche non qualificati come te, le hanno lette tutti benissimo. Strano. E se viene constatato, sempre da diversi utenti, che stai facendo una magra figura, un po’ di autocritica non guasterebbe. La fase copertina, alla quale hai partecipato senza osservazioni, o proteste, o manifestazioni di perplessità -e dubitiamo ti saresti posto il problema del meccanismo bislacco (???) in caso di un verdetto diverso- è stata spiegata prima, durante e dopo. Non siamo qui per ripeterci, o per seguire maratone che sì, somigliano molto a una performance da troll fine a sé stessa. Riguardo all’antologia, come ti è stato risposto in mail, ti tranquillizziamo che nel tuo caso il problema non si porrà. Fermo restando che la tua richiesta è stata presa in carico, che la rimozione del materiale avverrà al termine del contest, come per tutti quelli che ne faranno richiesta, e che i contributi di Spazio Libero, pubblicati appositamente su Spazio Libero, non sono suscettibili di diffide, intimazioni, o quant’altro riguardo la rimozione, come per tutti. Nè più, né meno. Speriamo che sia una risposta sufficiente.

      Foto del profilo di Michel Fonte

      Michel Fonte

      luglio 5, 2015 at 9:43 am

      Allora, ve lo dico adesso io farò spulciare da un avvocato per filo e per segno i moduli che ci avete inviato, però, già ti dico che l’invio non è avvenuto per posta certificata e la firma sugli stessi non è una firma elettronica e quindi può averla messa chiunque, e già sono due cose che permettono di chiedere l’immediata rimozione dei contenuti, infatti, io non aspetto nessuna fine del contest, sono già fuori dal contest e richiedo l’immediata rimozione di tutto ciò che mi appartiene… sennò già sapete dove finiremo per chiarire la questione legale… inoltre, il problema me l’ero posto già prima stavo solo aspettando di vedere come immaginavo che finisse… poi vedremo chi vincerà il contest e ne riparlerò in pubbliche sedi…

        Foto del profilo di SpiritiLibri

        SpiritiLibri

        luglio 5, 2015 at 9:55 am

        “ll problema me l’ero posto già prima stavo solo aspettando di vedere come immaginavo che finisse”. Questa frase parla già molto chiaro.

        Il tuo account verrà eliminato al termine del contest. Come da regolamento, approvato anche da te, con l’invio del modulo. E come per tutti. Le minacce gratuite ad un contest organizzato gratuitamente, per voi, non attaccano. Se (se) questa procedura avverrà prima, è solo perché ci stai disturbando, ci stai facendo perdere tempo che dovremmo dedicare ad un lavoro che è esclusivamente per voi dal primo giorno. Chiunque ha scritto qui, lo ha fatto senza essere obbligato da nessuno, ma con consapevolezza, responsabilità e libertà. Criticare a posteriori significa non ammettere la propria consapevolezza. La cosa ci amareggia, perché noi stiamo lavorando per garantirvi una possibilità, senza avervi chiesto niente. Come per ogni sito e progetto, ci sono tempi tecnici. Come per ogni cosa della vita, ci sono cose che vanno rispettate, per esempio il lavoro altrui.

          Foto del profilo di Michel Fonte

          Michel Fonte

          luglio 5, 2015 at 10:05 am

          io non minaccio, non mi appartiene, argomento sotto il profilo legale, è una bella differenza, il tempo l’avete fatto perdere a me con le vostre regole in itinere, putroppo mancando di rispetto verso il mio lavoro e quello di altri che pensano la stessa cosa ma non hanno il coraggio di dirvelo o forse hanno la delicatezza di non dirvelo…

           
Foto del profilo di Maria Grazia Adamo

Maria Grazia Adamo

luglio 5, 2015 at 9:32 am

Buon giorno a tutti, vedo che è stata una notte infuocata… Mi spiace, ovviamente, di non essere tra i “magnifici 7”, perchè la realizzazione del booktrailer era la fase che più mi interessava . Sto lavorando ad un cortometraggio che proietteremo in occasione di una mostra per il Centenario della Prima a Guerra mondiale e volevo sperimentarmi ulteriormente. Pazienza. Fa parte del gioco. Anche io ho partecipato a molti concorsi e devo dire che questo mi ha divertita e coinvolta più di tutti. Ribadisco i miei complimenti allo staff perchè si è inventata una cosa interessante e diversa. Per quel che concerne le regole era tutto chiaramente esposto fin da principio, come i nomi e i cognomi della giuria, tanto che ho deciso di partecipare al gioco proprio perchè leggendo i profili dei giurati ho visto che uno di loro, di cui non ricordo il nome, si è interessato alla vicenda dei Sem terra, il movimento dei contadino brasiliani, e ho pensato di trovare delle affinità concettuali. Anche io, come altri, ho avuto difficoltà a chiedere agli amici di votarmi, mi sembrava di “scocciare”, ma del resto è grazie a questo meccanismo che abbiamo avuto visibilità. Una visibilità che è tornata indietro in termini di gradimento, infatti molte persone, alla fine, tormentate dalle richieste di voto, hanno seguito tutte le fasi, si sono coinvolte e adesso mi hanno chiesto di volerlo leggere a tutti i costi questo benedetto libro. Le dinamiche dei gruppi sono incredibili! Unica critica è che tra di noi, avremmo potuto condividere di più il processo di scrittura e magari invece di una antologia con i migliori racconti (cosa che fanno quasi tutti)la casa editrice avrebbe potuto tirar fuori un altro prodotto alternativo e più originale: un “raccontone”, magari… scritto a più mani… Ho provato a stimolare i concorrenti in tutte le maniere , ma non ci sono riuscita. Eccetto Ilaria Galiano, con la quale è stata sintonia a prima “vista”, ho trovato pochi interessati. E’ proprio a lei che va il merito di aver innestato questo meccanismo. Sono sicura che noi continueremo su questa strada e vi faremo sapere, anzi… “leggere”. Ultimissima cosa: anche io vorrei avere la scheda di valutazione, per comprendere bene il punto di vista della giuria. Del resto, è così che si migliora. Molto spesso, l’immagine di noi stessi che ci rimanda lo specchio non è sempre quella che vedono gli altri. Infatti, non mi riconosco molto nella definizione data dallo staff: “sobria delicatezza e sensibilità spacca-anima”. Qui sembra che si parli di una “Romanticona…” Invece, i miei scritti volevano essere di denuncia. Molte delle mie storie traggono spunto da fatti veri. Il confine del silenzio, per esempio, è stato scritto con gli atti del processo alla mano, prima che Videla venisse condannato. Volevo che se ne parlasse. Per il momento è tutto. Tra non molto parto per la Grecia. Speriamo bene data la situazione politica! Male che andrà farò l’inviata speciale e vi terrò informati, semprechè parlare di attualità vi interessi. Buon proseguimento dei lavori e in bocca al lupo ai rimasti.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 5, 2015 at 11:45 am

Rimuovete i miei contenuti completamente… poi per quanto riguarda il contest organizzato gratuitamente vorrei sapere qual è contributo versatovi per il patrocinio della Presidenza del Consiglio e dall’Assessorato allle politiche giovanili e della cittadinanza sociale della Regione Puglia…

Foto del profilo di Augusto Necchi

Augusto Necchi

luglio 5, 2015 at 12:25 pm

Nel sottotesto del mio unico intervento su SpazioLibero volevo alludere al fatto che è rischioso dare a tutti la possibilità di parlare, e che per questo non bisognerebbe farlo, non bisognerebbe dare a cani e porci una possibilità. Auguro a SpiritiLibri di andare avanti per tanto e tanto tempo ancora, magari con maggiore visibilità. Maggiore visibilità significa un numero maggiore di testi inviati. Ciò permetterebbe una qualità media dei lavori proposti più alta e probabilmente eviterebbe che dei poveracci vadano fuori di testa perché il mondo non riconosce il loro talento.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 5, 2015 at 12:31 pm

Qualcuno confonde Spiriti Libri con la Costituzione, è l’art. 21 che conferisce a tutti i cittadini senza discriminazione alcuna il diritto di manifestare il pensiero in ogni forma… “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”

Foto del profilo di Francesca Rapa

Francesca Rapa

luglio 5, 2015 at 12:36 pm

Michel ma sei davvero convinto convinto che il tuo lavoro sia perfetto così e non abbia bisogno di nessun cambiamento? Sei davvero sicuro di te, complimenti. Ti invidio! Voglio leggerlo, me lo mandi?
Gli scrittori sono innamorati di se stessi e di quello che scrivono, lo sanno tutti e non é un mistero. ma il punto é che per pubblicare deve esserci una scintilla più del semplice convincimento dell’autore che l’opera sia perfetta…. ma se sei convinto questo spiega tutta la tiritera che stai facendo per cose ovvie. Ma secondo te in base a quale principio logico la giuria poteva guardare solo alle copertine, fammi capire? Siamo narratori, non illustratori. Secondo te una bellissima copertina con un testo che rendeva meno di uno con una brutta copertina poteva passare e poi essere pubblicato? Non capisco il tuo ragionamento. Da concorrente dovresti essere contento del fatto che la valutazione dell’opera ha avuto il suo peso in tutte le fasi ( COME SPECIFICATO!)

    Foto del profilo di Michel Fonte

    Michel Fonte

    luglio 5, 2015 at 12:46 pm

    Io non devo mandare niente a nessuno, poi capiranno anche il perché, a tempo debito, sono loro che hanno tirato in ballo le copertine non io, ho chiaramente specificato che non è mio compito fare il grafico, poi però ho visto quali copertine hanno scelto, sfido chiunque a dire che fossero le migliori, meglio che taccia… io guardo proprio al contenuto questa è la differenza ma loro preferiscono fare e disfare, prima dicono che i punti della giuria riguardano la copertina poi invece non è così e che invece la giuria doveva approfondire il testo… ma ripeto a me non m’importa nulla della loro valutazione, voglio solo che rimuovano tutti i miei contenuti subito…

Foto del profilo di Francesca Rapa

Francesca Rapa

luglio 5, 2015 at 12:50 pm

Va bene, capisco.

Foto del profilo di Augusto Necchi

Augusto Necchi

luglio 5, 2015 at 2:48 pm

“Se sapevo che il concorso era articolato in più prove”. Ma uno che esordisce in questa maniera (“se sapevo che il concorso era articolato in più prove”) con che coraggio pretende di essere pubblicato? E poi la Costituzione, il livello culturale in Italia… Ma toglietegli tutto e che si impicchi!

    Foto del profilo di Michel Fonte

    Michel Fonte

    luglio 5, 2015 at 3:05 pm

    Che ti logora Necchi… vuoi darmi qualche lezioncina… impiccarsi? Probabilmente è un gesto nobile, che ti è sconosciuto, alla Ben Pollack, Lee Alexander McQueen, David Carradine o David Foster Wallace, c’è perfino una poesia di Villon “La Ballata Degli Impiccati” (Ballade des pendus)

Foto del profilo di Claudia Lamma

Claudia Lamma

luglio 5, 2015 at 4:02 pm

Non c’e’ nessuna piattaforma che, come questa, dia la possibilità di partecipare ad un concorso per la pubblicazione e contemporaneamente offra al partecipante uno spazio indiscriminato in cui postare altri testi. Quelli che già lo facevano, chiedono contributi. Alcuni di questi sono vincolati a grosse linee editoriali. Altri ti bloccano il testo per sei mesi e ti impongono sia l’autopubblicazione, sia una vera e propria campagna elettorale sui sociale, perché in questo modo ottengono introiti che vanno a coprire le spese di pubblicazione per il vincitore, pubblicità a rimpallo e tutta una serie di altre cose. E’ vero che uno dei più grossi fra questi, con un’enorme macchina produttiva alle spalle, ti fa rimuovere il testo on line e ti permette di cancellarlo ( se hai perso, sennò col cavolo), ma e’ anche vero che quel testo stava lì a tue spese (autopubblicazione) e che una volta rimosso, il link comunque rimane e galleggia, vuoto e depauperato di tutto, per molto, moltissimo tempo. Quindi a conti fatti credo si stia facendo la guerra ad un’iniziativa molto più democratica di altre, ecco tutto.

Foto del profilo di Michel Fonte

Michel Fonte

luglio 5, 2015 at 4:11 pm

Mi sbaglio o era un concorso letterario? Per quel che mi riguarda non ci penso proprio a pagare per postare miei scritti… la mia partecipazione è terminata, questo è il termine del concorso, non quando lo decidono loro senza fissare una data, quindi che rimuovano i miei scritti, tutto il resto sono chiacchiere…

Foto del profilo di myryam guarda

myryam guarda

luglio 5, 2015 at 4:22 pm

Anche se non ho partecipato al contest letterario,restando semplice spettattrice,lettrice e votante,mi rammarica notare alcuni scrittori esordienti impegnati in diatribe ricche di asprezza dal sapore pungente anzichè propensi a cogliere l’amenità del semplice interloquire con i partecipanti ”sconfitti e non” con annesso staff…è ovvio salvaguardare i diritti sulla propria opera e chiedere ulteriori chiarimenti ma farlo utilizzando la stessa spensieratezza e leggiadria intrapresa nella fase sinossi e non utilizzando toni provocatori e polemici a tal punto da raggiungere lo sfinimento…anche una sconfitta è utile per migliorarsi…è inutile fare discorsi autocelebrativi,bisogna mettersi in gioco,saper vincere ma anche perdere!!!Il mio intento di sicuro non è quello di alimentare polemiche ma noto che trovare il cosiddetto ”pelo nell’uovo” ormai dilaga sempre più!!!!Non nego di aver votato ”I like prof” e simpatizzato per l’autrice Ilaria Galiano,donna dotata di ottima diplomazia,sperando potesse correre in finale.In attesa di una seconda edizione(magari riletta e riesaminata nel regolamento) di questa interessante iniziativa culturale alla quale parteciperò molto volentieri vi auguro un buon proseguimento.

Foto del profilo di Marcello Marino

Marcello Marino

luglio 5, 2015 at 4:57 pm

Buongiorno, o meglio Buon pomeriggio!
Ho appena letto i 73 commenti e può darsi che mentre io vi scriva, “qualcuno” ne stia scrivendo degli altri. In molti dei commenti sto ritrovando dell’astio, della frustrazione e addirittura delle minacce legali, ciò mi fa un po’ paura ma non sono nessuno per poter giudicare le reazioni altrui.
C’è chi è più emotivo e chi meno, c’è chi ha investito tutto sé stesso e c’è chi si è divertito a partecipare ad un gioco.
Credo che la rabbia non porti da nessuna parte, che non aiuti a migliorare nessuno o qualcosa, anzi riesce a tirar fuori solo il peggio e fa male solo a chi la prova.
Detto questo posso parlarvi della mia personale esperienza e che BELLA esperienza.
Per la prima volta nella mia vita ho deciso di partecipare ad u concorso letterario con un racconto breve scritto da me, che in realtà era stato scritto per un altro concorso ma mai iscritto.
Avevo superato il numero dei caratteri massimo che doveva avere il pezzo e non ero che a metà incipit, quindi rinunciai a quel concorso e continuai a scrivere finche non finii L’attesa.
Qualcuno ormai saprà: anche in quel caso non ho riletto né corretto.
In seguito gli ho dato una ripassata ma mai una vera rilettura con conseguente correzione, qualche integrazione o piccole modifiche ma nulla più e poi lo rimettevo a nanna nel cassetto.
Poi, un amico condivide sulla mia pagina Facebook il link col bando di spiriti liberi, leggo la vostra splendida idea anche ogni parte riguardante il regolamento e trovo scritto ogni cosa io voglia sapere: fasi, giuria, regole, non manca nulla ed è tutto abbastanza chiaro. Mi documento pure sulla veridicità dei soggetti e delle associazioni, è un concorso reale, gratis e ciò accresce ancor più la mia fiducia nell’evento.
Ma c’è una cosa nel regolamento che mi fa titubare, l’opera che dovrà iscriversi dev’essere composta da almeno ottantamila caratteri e la mia ne ha circa cinquantamila, decina più, decina meno.
Andando avanti nelle regole scopro che non sarete così fiscali e quindi m’iscrivo.
L’iscrizione? Qualcuno dello staff è stato così paziente da ricevere svariate richieste d’iscrizione da parte mia e con una e-mail mi ha indicato gentilmente la giusta via per la registrazione mia e dell’opera.
Ora ero iscritto.
La mia opera stava partecipando ad un contest letterario ma nella fretta dell’iscrizione ho scritto una sinossi penosa che non sarebbe stata in grado di superare neanche la prima fase del contest.
Ma proprio in questa parte iniziale del concorso sarebbe stato possibile ottenere svariati punti community e Facebook, quindi giù di spam a palla verso tutti i miei contatti.
Lo spam paga!
Passo alla seconda fase in cui sarebbe stato votato l’incipit della storia.
Uso Spazio Lib(e)ro per scrivere una sinossi più adeguata ed è proprio in questo spazio che scopro di essere in gara con delle grandi penne creatrici, m’intimorisco un po’ ma sorrido e vado avanti.
Viene pubblicato l’incipit dell’attesa e scopro che ho inviato la prima stesura, quella col maggior numero di errori e di parti mancanti, tento di rinviarne un’altra copia ma forse è la stessa o con qualche virgola e accenti in più o in meno.
Come avete fatto a rendermi degno di partecipare? Ancora me lo chiedo ma forse sono troppo autocritico.
La gara va avanti tra spam e voti della giuria e anch’io vado avanti nella gara.
Arrivo persino in semifinale, traguardo al quale non avevo mai ambito ed ero e sono ancora incredulo per essere là tra i semifinalisti.
In tutto questo tempo la mia creatività viene stimolata e alcune delle idee che avevo in testa prendono corpo in Spazio Lib(e)ro, tra queste c’è Wafer un’idea di W.F.Murano, un compagno di viaggio con il quale spero di continuare a collaborare. Ho conosciuto anche Anna che purtroppo ci ha abbandonati dopo il primo step ma con la quale continuo a tenermi in contatto.
E Francesca Rapa che a parer mio è una delle penne e soprattutto delle menti più … Più!
Non saprei come definirla, come descriverla, ogni aggettivo sarebbe riduttivo.
Non nascondo che mi piacerebbe leggere molto più di lei e soprattutto vorrei collaborare con lei se fosse possibile.
Quello che ho appena scritto è un invito a Francesca se non lo si fosse capito.
Oggi ho aperto la pagina di Spiriti Lib(e)ri e ho letto i sette nomi, sapevo di non essere tra i finalisti ma la speranza è l’ultima a morire come si suol dire.
Ho la conferma, non ci sono tra loro ma ciò non toglie che io possa perseguire il mio sogno continuando a scrivere su spazio libero, tentando di finire ciò che ho cominciato con voi.
Io sarò sempre presente in spazio libero e non dovendo lavorare a un movie trailer avrò più tempo per scrivere, creatività permettendo.
Grazie per averci regalato questa possibilità e se qualcuno di noi se l’è presa con voi per colpe non vostre, so che lo perdonerete perché anche voi venite da dove viene ognuno di noi.
Siamo cervelli e mani con una creatività prorompente, a volte invadente e senza controllo, emotivi sì ma mai cattivi… Almeno spero.
Ora, è giunta l’ora dei complimenti sia a voi dello staff che ai finalisti.
Allo staff, GRAZIE per aver risvegliato in me la voglia e la forza di scrivere, per essere riusciti a creare una piattaforma d’incontro tra creativi consapevoli o inconsapevoli.
E ai Magnifici sette faccio il mio in bocca al lupo e che vinca il migliore!
PS: Il riletto e non corretto è ormai parte di me e quindi continuo sulla mia onda carica di…
A questo punto preferisco citarvi, copiando e incollando la vostra descrizione di me: per la furia narrativa e la torrenziale produttività dell’incorreggibile Marcello…
Sinceramente: GRAZIE!

    Foto del profilo di Mariacarla marini misterioso

    Mariacarla marini misterioso

    luglio 5, 2015 at 5:20 pm

    Crepi il lupo e Grazie Marcello;)!

    Foto del profilo di Michel Fonte

    Michel Fonte

    luglio 5, 2015 at 11:17 pm

    Il presunto astio, rabbia o frustrazione che erroneamente rilevi è solo analisi realistica della situazione… e quello che hai dichiarato ( “NON HO RILETTO NÉ CORRETTO.IN SEGUITO GLI HO DATO UNA RIPASSATA MA MAI UNA VERA RILETTURA CON CONSEGUENTE CORREZIONE, QUALCHE INTEGRAZIONE O PICCOLE MODIFICHE MA NULLA PIÙ E POI LO RIMETTEVO A NANNA NEL CASSETTO” – “MA C’È UNA COSA NEL REGOLAMENTO CHE MI FA TITUBARE, L’OPERA CHE DOVRÀ ISCRIVERSI DEV’ESSERE COMPOSTA DA ALMENO OTTANTAMILA CARATTERI E LA MIA NE HA CIRCA CINQUANTAMILA, DECINA PIÙ, DECINA MENO”) conferma la superficialità con cui si sono valutate le opere e il cambio delle regole in corso d’opera

      Foto del profilo di SpiritiLibri

      SpiritiLibri

      luglio 5, 2015 at 11:42 pm

      Sempre citando INTEGRALMENTE il commento di Marcello (e non solo in parte a seconda di ciò che conviene): “Ma c’è una cosa nel regolamento che mi fa titubare, l’opera che dovrà iscriversi dev’essere composta da almeno ottantamila caratteri e la mia ne ha circa cinquantamila, decina più, decina meno.
      Andando avanti nelle regole scopro che non sarete così fiscali e quindi m’iscrivo.” Se avessi letto il regolamento, avresti visto che non è affatto superficialità come dici, ma semplicemente i limiti citati erano da intendersi come indicativi, cosa che abbiamo confermato a chiunque lo avesse chiesto in fase di iscrizione. Ad ogni modo, stare qui a parlare di regolamenti, fasi, giurie, quando tra la prima e la seconda fase e tra la seconda e la terza non lo hai ritenuto necessario appare curioso.

        Foto del profilo di Marcello Marino

        Marcello Marino

        luglio 6, 2015 at 12:36 am

        Mi spiace che il mio commento sia stato travisato, il mio voleva essere un intervento per confermare il fatto che nel regolamento c’era scritto tutto fin dall’inizio e che quindi ognuno di noi si è iscritto consapevolmente e non cadendo in un tranello.

Foto del profilo di SpiritiLibri

SpiritiLibri

luglio 5, 2015 at 10:24 pm

Questo è l’ultimo richiamo. Non saranno tollerati altri post provocatori, di offesa a chiunque, e tra chiunque. Questo è uno strumento espressivo, e non offensivo. Francamente ne auspicavamo un migliore utilizzo. Quello che non permettiamo, a nessuno, è di inquinare cose belle, nate per essere belle. Quindi stop.

Da questo momento in avanti ogni commento inopportuno e non concernente il contenuto della notizia in questione verrà rimosso. Inoltre, ogni commento dovrà essere sottoposto ad approvazione, prima di comparire: comporterà tempi più lunghi, a salvaguardia del tenore della conversazione.

Foto del profilo di Maria Grazia Adamo

Maria Grazia Adamo

luglio 6, 2015 at 8:27 am

Buon giorno a tutti, mi auguro che la notte, anche se molto calda date le temperature bollenti, abbia disteso gli animi e riportato l’acceso dibattito (per dirla con un eufemismo) di questi ultimi due giorni a un civile scambio di idee. I toni molto polemici della discusione, hanno fatto passare in secondo piano alcune richieste di chiarimenti di chi, come me, ha sempre creduto in questa iniziativa. Sono profondamente convinta che ogni critica, se bene argomentata, è un momento di crescita per tutti: per chi la fa e chi la riceve. Capire come gli altri valutano il nostro lavoro, vedersi con altri occhi, è fondamentale per chi scrive. Comunicare, condividere il proprio patrimonio di idee, di sentimenti e aspirazioni in fondo è l’obiettivo di ogni scrittore. Ho apprezzato molto il fatto che lo staff abbia salutato i concorrenti uscenti accompagnando il commiato con un giudizio, perchè è una cosa affatto scontata. Molte case editrici che bandiscono concorsi letterari nemmeno li avvisano gi esclusi, figurarsi poi fornire loro giudizi sull’opera in concorso. Ma proprio perchè tengo a questo meccanismo di scambio reciproco, che sto aspettando due parole di spiegazione (come del resto sono state fornite a tutti quelli che sono intervenuti ). Come già detto ieri, non mi ritrovo nella definizione data dallo staff : “per la sobria delicatezza e la sensibilità spacca-anima di Maria Grazia”, e volevo capire meglio il loro punto di vista. La mia non vuole essere una polemica (già ce ne sono troppe) ma semplicemente una richiesta di attenzione. Grazie in anticipo e arrivederci su SpazioLibero.

    Foto del profilo di SpiritiLibri

    SpiritiLibri

    luglio 6, 2015 at 8:40 am

    Ciao Maria Grazia,

    hai perfettamente ragione, purtroppo è stato un weekend “dispersivo”, e non abbiamo potuto dedicarci alle cose a cui ci siamo sempre dedicati come avremmo voluto (non abbiamo potuto neanche rispondere al bellissimo saluto di Marcello, e ce ne dispiace).

    La scheda di valutazione che vi verrà inviata (appena ne avremo tempo e possibilità, scusateci: è una cosa che ci preme fare, assolutamente) prevede solo il punteggio risultante dalle medie di giuria, punteggi web e punti extra. A corredo, allegheremo volentieri quella che è una nostra stringata sensazione (e sottolineiamo, nostra: i giurati non si sono espressi discorsivamente) sull’opera. Grazie per l’attesa, e ti tranquillizziamo: i vostri stati d’animo non sono mai stati in secondo piano.

You must be logged in to post a comment

Login

IL NOSTRO BLOG

IL VINCITORE

L'OPERA VINCITRICE del contratto di pubblicazione e distribuizione nazionale con la casa editrice CARATTERIMOBILI è:

sljpg

IL BOOKTRAILER PIÙ BELLO

Il premio " IL BOOKTRAILER PIÙ BELLO" va a FINESTRE INCENDIATE di Anna Rita Martire

Finestre incendiate

MENZIONE EDITOR

La MENZIONE EDITOR a cura di Alessandra Minervini, docente e consulente della Scuola Holden, va all'opera LO SPUMONE. MORTE SOSPETTA IN PIAZZA CIAIA di Leonardo Cassone

Lo Spumone

Commenti recenti

Vai alla barra degli strumenti