LA COMPONENTE DEL PERTURBANTE (3)

LA COMPONENTE DEL PERTURBANTE (3)

SpiritiLibri No Comment
Cinema

La paura è qualcosa che cresce dentro di noi. Non ha forma se non quella dei nostri volti turbati, non ha voce, se non quella delle nostre grida atterrite.

Così è la paranoia.

Se essa fosse un mostro, avrebbe l’aspetto degli esseri nati dai baccelli del film L’invasione degli ultracorpi, perché sarebbe uguale a noi stessi, anzi, sarebbe noi stessi. Il mostro della paranoia è dentro di noi.

La paura di quegli anni non dava via di scampo: il nemico è ovunque, in chiunque, e bisognava tenere gli occhi aperti per riconoscerlo. Non importa se esso potesse nascondersi persino nella propria casa. Il “familiare” era messo in pericolo dall’invasore. Una condizione che Freud definirebbe perturbante, “Unheimlich” , ovvero una particolare attitudine del sentimento più generico della paura, che si sviluppa quando una cosa (di qualunque tipo, dalla persona, o al fatto) viene avvertita come familiare ed estranea allo stesso tempo, causando angoscia, confusione, estraneità, o spaesamento.  Dalla radice “Heim” che significa appunto “casa-patria-nazione”, “Heimlich” che dà l’idea quindi di intimo, fidato, “Um-heimlich” diventa l’estraneo, non familiare, nascosto, spaventoso.

Una delle caratteristiche del cinema di fantascienza degli anni cinquanta è proprio la paura connessa al perturbante, allo spaesamento nella dimensione familiare che viene minacciata dall’estraneo, dal misterioso, da una parte (come la cittadella del protagonista de “L’invasione degli ultracorpi” invasa dai baccelli) e dal familiare stesso che genera turbamento proprio perché invaso dal sospetto o diviene pericoloso (vedremo l’ambiente accogliente della casa di Scott Carey, nel film “Radiazioni BX: distruzione uomo“, come degenererà in un “campo di battaglia” in cui bisogna sopravvivere).

You must be logged in to post a comment

Login

IL NOSTRO BLOG

IL VINCITORE

L'OPERA VINCITRICE del contratto di pubblicazione e distribuizione nazionale con la casa editrice CARATTERIMOBILI è:

sljpg

IL BOOKTRAILER PIÙ BELLO

Il premio " IL BOOKTRAILER PIÙ BELLO" va a FINESTRE INCENDIATE di Anna Rita Martire

Finestre incendiate

MENZIONE EDITOR

La MENZIONE EDITOR a cura di Alessandra Minervini, docente e consulente della Scuola Holden, va all'opera LO SPUMONE. MORTE SOSPETTA IN PIAZZA CIAIA di Leonardo Cassone

Lo Spumone

Commenti recenti

Vai alla barra degli strumenti